21 C
Firenze
venerdì 30 Settembre 2022
spot_img
spot_img
spot_img

Grosseto presenta a Roma la candidatura a Capitale italiana della cultura 2024

Il sindaco: "La Maremma un modello vincente in tutta Italia in cui la cultura, collegata con le filiere tipiche del territorio, diventa volano concreto per lo sviluppo sociale ed economico locale"

GROSSETO – Il Comune di Grosseto ha presentato la propria candidatura a Capitale italiana della cultura 2024 a Roma, nella sede di Confagricoltura nazionale a Palazzo Della Valle. Grosseto è tra le dieci finaliste del titolo di Capitale della Cultura 2024, in Toscana nella top ten c’è anche Viareggio. All’evento presenti il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, il sottosegretario al Ministero delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio, e il sottosegretario al Lavoro Tiziana Nisini. ‘Naturalmente culturale’ accompagna la proposta di Grosseto, ‘un vero e proprio piano strategico della cultura le cui radici affondano nella sostenibilità ambientale e nel comparto agricolo che insieme diventano i principali artefici dello sviluppo del territorio. Il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna: “Presentiamo la Maremma come un modello vincente in tutta Italia in cui la cultura, collegata con le filiere tipiche del territorio diventa un volano concreto per lo sviluppo sociale, culturale ed economico locale. In un Paese che guarda alla ripresa congiunturale abbiamo trovato la chiave per ripartire valorizzando il nostro immenso patrimonio. Penso all’Arcipelago toscano, al parco della Maremma, all’area archeologica etrusca di Roselle, oppure alle mura medicee di Grosseto arrivate pressoché intatte fino ai giorni nostri. Ora siamo pronti a condividere queste bellezze con il mondo”. Massimiliano Giansanti, presidente Confagricoltura: “Agricoltura e cultura sono profondamente legate e sono sempre volano di sviluppo di un territorio.  Inoltre, Grosseto è anche un Comune Spiga Verde, il riconoscimento che Fee, insieme alla nostra Confederazione, assegna annualmente ai Comuni rurali che hanno investito in sostenibilità conseguendo risultati tangibili. In questo contesto, le imprese agricole sono protagoniste del percorso virtuoso che mette in risalto i valori e l’impegno di un territorio a beneficio della comunità e dei turisti”.

La crescita della Maremma è green. Secondo uno studio innovativo sulla carbon neutrality promosso dall’amministrazione comunale sul territorio vengono emesse 4,1 tonnellate di Co2 equivalenti procapite, una media decisamente bassa rispetto alle 8,8 tonnellate prodotte in media in Europa e in Italia che è di 7,1 tonnellate’. Quello che rende la Maremma famosa in tutto il mondo, oltre ai panorami mozzafiato, si legge in una nota, è la possibilità di vivere un turismo slow, legato alle bellezze e alle eccellenze locali. Nel territorio di Grosseto si concentra il 22% delle strutture agrituristiche di tutta la Toscana, il 15% della produzione di olio e il 15% di quella vitivinicola, mentre nel settore dei trasformatori dei prodotti a denominazione controllata Grosseto è al primo posto in tutta la Toscana per quanto riguarda i prodotti caseari con il 59%, “Numeri come questi sono destinati a salire grazie al risultato raggiunto con la candidatura di Capitale della Cultura”.

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
nubi sparse
21 ° C
21.8 °
18.8 °
77 %
4.6kmh
40 %
Gio
21 °
Ven
19 °
Sab
20 °
Dom
23 °
Lun
24 °