24.6 C
Firenze
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
spot_img

Marradi, Italcanditi presenta il piano industriale. Verso la cessione al gruppo De Feo

Previsti l'impiego di tutti i dipendenti a tempo indeterminato e il mantenimento occupazionale dei lavoratori stagionali

MARRADI – Italcanditi e il gruppo De Feo hanno presentato il piano industriale per lo stabilimento Ortofrutticola del Mugello di Marradi, Firenze. La fabbrica dei marroni. Il piano contempla un accordo commerciale su base quinquennale, rinnovabile per ulteriori cinque anni, che prevede la cessione del ramo d’azienda di Marradi da parte di Italcanditi al gruppo De Feo. E’ previsto l’impiego di tutti i dipendenti a tempo indeterminato dello stabilimento di Marradi. La produzione di marron glacé non avverrà più nello stabilimento di Marradi bensì in quello di Pedrengo, Bergamo. ‘Italcanditi, consapevole dell’importanza dello stabilimento per il tessuto socio economico di Marradi, ha accolto immediatamente le sollecitazioni provenienti dalle istituzioni e delle organizzazioni sindacali e ha ideato un progetto industriale, insieme al gruppo De Feo, primario operatore nel settore delle castagne, partner storico nonché precedente proprietario di Ortofrutticola del Mugello, che risponde proprio alle richieste emerse durante i primi tavoli dell’Unità di Crisi organizzati dalla Regione Toscana. Il mantenimento dell’operatività dello stabilimento di Marradi, il mantenimento del livello occupazionale delle lavoratrici stagionali e delle lavoratrici e lavoratori a tempo indeterminato, la valorizzazione del marrone di Marradi’. Per quanto riguarda la decisione di spostare la produzione di marron glacé, lo stabilimento nel bergamasco,  spiega Italcanditi, ‘ha già le caratteristiche,la capacità e gli impianti per produrre i quantitativi stabiliti di prodotto. La decisione risponde alla necessità di contrastare il drammatico aumento dei costi alla base della produzione di marron glacé realizzati a Marradi, che mina la competitività del prezzo del prodotto in scatola; prezzo che rappresenta l’elemento pregiudiziale per accedere ai mercati di riferimento supermercati’.

La riconversione dello stabilimento, si legge in una nota, ‘avverrà attraverso un investimento da parte del gruppo De Feo, e con il contributo di Italcanditi, di oltre un milione di euro che avrà come capitoli principalil’acquisto di nuovi macchinari per le nuove lavorazioni e la manutenzione straordinaria dello stabilimento”. Quindi: ‘Le nuove linee di produzione e il potenziamento della linea per i marroni in sciroppo (che vedrà una produzione più che raddoppiata) garantiranno il medesimo livello occupazione delle attuali 64 lavoratrici stagionali, i medesimi livelli di approvvigionamento di marroni dal territorio di Marradi, creerà una filiera del prodotto fresco a chilometro zero oggi totalmente assente. A tal proposito la lavorazione del fresco rappresenta un’importante diversificazione di prodotto in ottica prospettica vista la domanda sempre crescente, da parte dei consumatori, del prodotto fresco, a chilometro zero e meno ricco di zuccheri a fronte di un mercato stagnante dei marron glacé

 

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
cielo sereno
24.6 ° C
27.3 °
23.3 °
71 %
1kmh
0 %
Mer
25 °
Gio
25 °
Ven
25 °
Sab
24 °
Dom
25 °