16.4 C
Firenze
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
spot_img

Monsignor Simoni, il Pastore tra la gente. Il ricordo del ‘vescovo Gastone’

Dalla parte degli ultimi. L'ascolto. La lungimiranza con cui ha saputo leggere un periodo storico di profondi cambiamenti sociali

Ricordare Gastone Simoni significa ricordare un vescovo popolarissimo a Prato, e davvero molto amato dalla gente.

Da tutti.

Perché il ‘vescovo Gastone’ era un vescovo tra la gente.

Per chiunque lo chiedesse metteva a disposizione l’ascolto, il suo spessore spirituale e culturale.

E l’aiuto.

Sempre dalla parte degli ultimi.

Un vescovo che ha svolto vera opera di evangelizzazione.

Un vescovo che era lui stesso spirito di carità. 

Che credeva nei giovani.

Sua la grande attenzione al lavoro di quegli anni.

Stiamo parlando di trenta anni fa. Il ‘vescovo Gastone’ è stato vescovo di Prato dove ha fatto il suo ingresso il 23 febbraio 1992, ordinato il 6 gennaio da Papa Giovanni Paolo II nella Basilica di San Pietro in Vaticano.

Venti anni vescovo di Prato, della seconda città della Toscana, in un passaggio storico molto difficile e molto delicato. Quello dei grandi flussi migratori.

In una Prato ‘città dell’accoglienza’.

E’ un ricordo personale e professionale di grande affetto e grande gratitudine quello per il ‘vescovo Gastone’. 

Il ricordo di un privilegio e di un onore per chi scrive averlo conosciuto.

Il ricordo personale e professionale degli incontri di lavoro con Tv Prato, emittente con cui ho fatto questo mestiere negli anni Novanta.

Insieme al ‘vescovo Gastone’ che ci invitava alla sua tavola in una meravigliosa accoglienza e condivisione in cui ci ospitava  pasteggiando con the.

E noi che appena usciti dall’emittente prima di raggiungerlo nella sua dimora ci precipitavamo a comprare la mantovana, dolce che i pratesi ben conoscono, e che sapevamo al ‘vescovo Gastone’ piaceva.

E a quelle riunioni conviviali lui non parlava. Ascoltava. Ci ascoltava.

Con il suo sguardo così luminoso e sereno, la sua parola sempre di conforto. 

Il ‘vescovo Gastone’ c’era sempre.

Anche quando non c’era.

Perché sapevamo che era sempre disponibile all’ascolto.

E averne la consapevolezza era una grande forza per tutti noi.

Perché il ‘vescovo Gastone’ credeva in noi. Profondo sostenitore del nostro lavoro. Credeva nell’importanza della comunicazione che trenta anni fa era ancora un oggetto quasi misterioso.

Lo sapeva Prato che il ‘vescovo Gastone’ c’era sempre. Prato che lo ha tanto amato.

Anche i non credenti.

Perché il ‘vescovo Gastone’ per i pratesi era prima di tutto un prete. Un uomo saggio. Un uomo buono. 

Il ‘vescovo Gastone’ ha aiutato chiunque ne avesse bisogno. In silenzio.

Rendeva semplice ciò che non lo era.

Un vescovo che ha saputo leggere con lungimiranza il tempo in cui è stato Pastore a Prato.

Un tempo di profondi cambiamenti sociali.

Un tempo di inizio di grandi flussi migratori.

Un tempo storico di radicale passaggio. Anche politico ed economico.

Il ‘vescovo Gastone’ è stato promotore dell’inclusione.

Era avanti il ‘vescovo Gastone’.

Si devono a lui a Prato il primo emporio della solidarietà, la mensa dei poveri, le case per le ragazze madri e per i padri separati. Per i lavoratori stranieri. La ronda di notte per i senza tetto. La vicinanza ai migranti. Ricordiamo che il primo grande sbarco all’insegna della grande generosità italiana fu sulle coste pugliesi dei tanti profughi albanesi nell’agosto 1991. Molti di loro arrivarono a Prato.

Prato che in quei primi anni ’90 accolse, insieme a San Donnino, gli arrivi dei cinesi in Italia. Con la prima integrazione dei bambini cinesi nelle scuole. E il ‘vescovo Gastone’ fu molto vicino a loro, con i centri di ascolto per i cinesi.

Il ‘vescovo Gastone’ scese in strada con le prostitute con don Oreste Benzi.

In queste ore è un tam tam social di gratitudine e di grazie per il ‘vescovo Gastone’.

Per un vescovo che ha scritto venti anni della storia di Prato.

L’ultimo saluto al ‘vescovo Gastone’ nella ‘sua’ Prato mercoledì 31 agosto in Cattedrale alle 10.30.

 

 

 

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
nubi sparse
16.4 ° C
18.1 °
14.9 °
89 %
3.1kmh
40 %
Gio
19 °
Ven
19 °
Sab
19 °
Dom
23 °
Lun
23 °