25.3 C
Firenze
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
spot_img

Rigassificatore, Conferenza Servizi. Giani: “Andiamo avanti”. Il no di Piombino

Il sindaco Ferrari: "Draghi e Giani hanno già deciso. Giani si assumerà le responsabilità giuridiche della sua decisione". Protesta davanti sede regionale

PIOMBINO – “E’ stato un incontro, un confronto positivo e costruttivo. Ci sono tutti i presupposti per andare avanti”.

Così Eugenio Giani, presidente Regione Toscana e commissario straordinario per il rigassificatore di Piombino incaricato da Draghi, subito dopo la Conferenza dei Servizi.

Prima riunione che si è tenuta oggi 19 settembre a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della presidenza regionale.

Francesco Ferrari, sindaco di Piombino: “La politica con Draghi e Giani ha già deciso”.

La protesta davanti alla sede della presidenza regionale mentre era in corso la conferenza dei Servizi.

Giani, nelle vesti di commissario straordinario, ha convocato la prima riunione della Conferenza dei Servizi dopo la chiusura della fase che ha riguardato la presentazione di osservazioni e controdeduzioni al progetto di Snam sul posizionamento nel porto di Piombino, in provincia di Livorno, della Golar Tundra.

Giani: “La Conferenza dei Servizi iniziata stamani è stata molto costruttiva. Abbiamo visto uno spirito da parte dei vari enti, nel dibattito, molto positivo. C’è stato il parere contrario, in modo netto, solo del Comune di Piombino rappresentato dal suo sindaco. Gli altri enti, oltre trenta hanno espresso posizioni articolate ma ritengo che i lavori della Conferenza dei servizi procedano secondo il migliore degli auspici. Gli enti hanno formulato le proprie proposte o osservazioni ed abbiamo dato tempo a Snam per rispondere”.

Il sindaco Francesco Ferrari subito dopo la riunione di oggi 19 settembre: “Domenica 18 settembre abbiamo inoltrato tutti i nostri pareri. La politica ha già deciso. Questo lo sappiano. Ha deciso Draghi. Ha deciso Giani. Hanno deciso che l’opera dovrà essere collocata nel porto di Piombino. Ma c’è un procedimento amministrativo e noi in quel procedimento amministrativo ci stiamo. Abbiamo inoltrato pareri tecnici. Io oggi ero qua non in rappresentanza del Comune per portare posizioni politiche. Ma in rappresentanza dei miei concittadini per un profilo di salute e incolumintà pubblica perché questo la norma dà come onere ai sindaci per le opere industriali che possono nuocere alla salute. E il parere a mia firma è in questo senso.

Quindi ci sono i pareri degli uffici tecnici del Comune che abbiamo trasmesso al commissario straordinario. Pareri che evidenziano criticità ambientali, di sicurezza, economiche.  Elementi che devonoo essere vagliati da chi prenderà una decisione. perché il commissario straordinario deciderà ma con quella decisione si assumerà enormi responsabilità. Non solo responsabilità politiche, ma anche e soprattutto responsabilità giuridiche laddove ritenesse di accogliere la richiesta del Governo Draghi.

La Conferenza dei Servizi è stata aggiornata al 7 ottobre. Contemporaneamente tutti gli enti di competenza statale si riuniranno per esprimere un parere unico il 13 ottobre a Roma. Poi la Conferenza dei Servizi, evidenzia Giani, si riunirà di nuovo il 21 ottobre “per arrivare al parere definitivo nei termini di legge, cioè entro il 27 ottobre. Sono stati approfonditi i problemi ambientali, quelli legati alla sicurezza. Siamo partiti con il piede giusto. Ora procederemo a pieno ritmo per rispondere sempre meglio alle preoccupazioni della popolazione locale”.

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
cielo sereno
25.3 ° C
27.8 °
22.6 °
63 %
1.5kmh
0 %
Mer
24 °
Gio
25 °
Ven
26 °
Sab
24 °
Dom
21 °