15.2 C
Firenze
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
spot_img

Toscana, 70mila euro di rimborsi dei consiglieri regionali a Libera per la legalità

Si tratta di rimborsi non percepiti durante il lockdown. Mazzeo: "In Toscana le mafie provano a infiltrarsi investendo risorse illecite nell'economia legale"

FIRENZE – Ci sono 70mila euro che derivano dai rimborsi per l’esercizio del mandato dei consiglieri della Regione Toscana durante il periodo del lockdown. Rimborsi che, va da sè, non sono stati percepiti dai consiglieri regionali. Con questi fondi il Consiglio regionale toscano, presidente Antonio Mazzeo, ha istituito il bando ‘Educazione alla legalità’. Ad aggiudicarsi il bando il progetto ‘Polis’ di  Libera Toscana. Con questi fondi Libera Toscana e l’associazione Le Discipline, si legge, potranno organizzare numerose iniziative di educazione alla legalità nelle scuole di tutta la Regione e cinque campi di ‘E!State Liberi!’ quasi a costo zero e quindi aperti a chiunque. Inoltre gite di formazione nella proprietà di Suvignano confiscata alla mafia e data in gestione alla Regione, che sarà teatro anche di tre dei cinque campi estivi. Antonio Mazzeo: “Diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani, aumentare il senso di rispetto per la cosa pubblica, rafforzare la prevenzione di attività criminose, favorire lo scambio di conoscenze e informazioni sui fenomeni criminosi e sulla loro incidenza sul territorio. Il progetto che presentiamo insieme a Libera ha questo obiettivo: come istituzioni sentiamo forte il dovere di spargere il seme dell’educazione civica e del rispetto della legalità fra le ragazze e i ragazzi delle nostre scuole”. Quindi Mazzeo: “La sfida è imparare a riconoscere la mafia che in Toscana si palesa in modo diverso che in altre zone d’Italia. Non abbiamo forse un sentore quotidiano della sua presenza, ma c’è ed opera in maniera diversa e non meno pericolosa. In Toscana la mafia, direi le mafie, provano a investire e a infiltrarsi nel nostro territorio in maniera silente tentando di investire risorse illecite nell’economia legale e attraverso canali leciti. Come istituzioni e amministratori locali dobbiamo monitorare e tenere l’attenzione altissima, incentivando cittadini e imprenditori a segnalare tutti quei fenomeni che potrebbero essere a rischio. Oggi vogliamo ribadire che combatteremo ogni tipo di mafia senza se e senza ma e tutti insieme saremo sempre più impegnati ad essere vere e proprie sentinelle della legalità”.

Don Andrea Bigalli, referente regionale di Libera: “È la prima volta che il Consiglio regionale sceglie di investire così tanto su questa tematica, e questo significa che il lavoro che svolgiamo da anni sta dando i suoi frutti. Non ci stancheremo mai di dire che prendere consapevolezza dei pericoli di penetrazione di forme dirette o indirette della criminalità organizzata nel tessuto economico, sociale e istituzionale della Toscana è sempre più impellente”. Marco Casucci, vicepresidente Consiglio regionale: “I dati della Fondazione Caponnetto ci preoccupano molto, parlano di un 95% di imprenditori toscani a rischio di contatto con la criminalità. Si deve partire dalle scuole per cominciare una battaglia culturale. Nessuno si può sentire al riparo da rischi di infiltrazioni della malavita organizzata. Abbiamo anche un alto numero di beni confiscati alle mafie, più di 600 in Toscana. Sono cifre che devono invitare ad agire e noi lo stiamo facendo”. Stefano Scaramelli, vicepresidente Consiglio regionale: “Ai giovani viene chiesto uno sforzo ulteriore, di mettersi in discussione, soprattutto dopo la pandemia, per trovare anche un livello di motivazione nuovo. La Toscana è una terra che deve fare della legalità uno dei principi cardine, uno stile di vita, e credo che i ragazzi siano i migliori interpreti in grado di poter affrontare questa sfida”. Giulia Bartolini, coreferente di Libera: “Il progetto prevede anche un percorso di formazione in collaborazione con gli studenti del Parlamento della Regione, con incontri già avviati che culmineranno in uno dei campi fatti con la collaborazione e la partecipazione di alcuni dei sessanta rappresentanti degli Istituti secondari di secondo grado della Toscana”.

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
cielo sereno
15.2 ° C
18.8 °
13.5 °
85 %
1.5kmh
0 %
Mer
25 °
Gio
25 °
Ven
25 °
Sab
24 °
Dom
17 °