fbpx
9.6 C
Firenze
giovedì 22 Febbraio 2024
spot_img

Morta travolta da un tir, sciopero dei sindacati a Campi Bisenzio

Sindacati: "Lavoratrice di Leonardo SpA morta alla fermata del bus. Da anni denunciamo pericolosità fermata". Sindaco Tagliaferri proclama lutto cittadino: "Susanna vittima del lavoro. Impegno per rafforzare sicurezza stradale"

CAMPI BISENZIO – Morta travolta da un tir, sciopero dei sindacati a Campi Bisenzio.

Presidio dei sindacati venerdì 1 dicembre per la morte di Susanna Celentano, travolta e uccisa da un tir in retromarcia a Campi Bisenzio. Presidio alla fermata dell’autobus in via Einstein dove la donna, 63, è morta per il tragico incidente stradale. Le indagini dei Carabinieri.

Il sindaco Andrea Tagliaferri esprime il cordoglio e proclama il lutto cittadino nel giorno delle esequie.

Tagliaferri: “Susanna ha perso la vita davanti allo stabilimento RSU Leonardo in cui lavorava, alla fermata dell’autobus in via Einstein a Campi Bisenzio travolta da un automezzo in manovra. Una tragedia che ci addolora, siamo davanti ad un’altra vittima del lavoro. Come amministrazione Comunale ci impegneremo per verificare le eventuali misure da attuare per rafforzare la sicurezza stradale e prevenire simili tragedie in futuro. La nostra comunità è unita nel dolore e in occasione dei funerali  proclameremo il lutto cittadino, in segno di vicinanza alla famiglia e a tutti i lavoratori e le lavoratrici.”

Lorenzo Ballerini, assessore: “Rivolgo il mio pensiero alla vittima ed esprimo il mio cordoglio alla famiglia in questo momento di dolore”.

Il comunicato dei sindacati: “Una lavoratrice della Leonardo SpA di Campi Bisenzio è deceduta, investita da un camion, mentre aspettava l’autobus alla fermata davanti allo stabilimento.
Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil territoriali esprimono innanzitutto il proprio cordoglio e la propria vicinanza alla famiglia della lavoratrice morta in itinere, appena uscita dal lavoro.

Un fatto gravissimo e inaccettabile. Da anni Rsu Leonardo e organizzazioni sindacali denunciano la pericolosità di quella fermata e dei rischi legati alla mobilità antistante lo stabilimento. Strade piene di buche, prive di marciapiedi, attraversate continuamente da grandi tir e poco percorribili sia in bicicletta che a piedi.

Già nel 2019 avevamo incontrato l’allora sindaco del Comune di Campi Bisenzio, Emiliano Fossi, oggi deputato, che prese alcuni impegni non concretizzati. Nel 2021 tornammo a chiedere al Comune di rivedere la viabilità per maggiore sicurezza, in particolare proprio per quella fermata dell’autobus, per cui proponemmo l’installazione di una pensilina e maggiore luminosità. Il sindaco Fossi e l’assessore Nucciotti ci fecero nuove promesse ma non ne mantennero nessuna.

A maggio 2021, insieme al capogruppo di Campi a Sinistra Lorenzo Ballerini, presentammo un’interrogazione consiliare, anch’essa caduta nel vuoto.
Oggi siamo quindi addolorati ma soprattutto arrabbiati per non essere stati ascoltati e per questo  Fim Fiom e Uilm hanno proclamato un’ora di sciopero con presidio dalle 11.30 alle 12.30 proprio alla fermata dell’autobus di Via Einstein.
Chiediamo che siano accertate le responsabilità e auspichiamo che anche l’azienda, insieme ai lavoratori, si renda parte attiva affinché siano effettuate le operazioni per la messa in sicurezza dell’intera area e non vi sia mai più da piangere per un lavoratore che non torna a casa”.

 

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
cielo sereno
9.6 ° C
11.8 °
6.8 °
65 %
2.6kmh
0 %
Gio
15 °
Ven
13 °
Sab
12 °
Dom
11 °
Lun
9 °

Ultimi articoli

24,178FansMi piace
7,615FollowerSegui
482FollowerSegui
spot_img