fbpx
9.6 C
Firenze
giovedì 22 Febbraio 2024
spot_img

Porto di Livorno, sbarca lo Sportello unico doganale e dei controlli

Al via fase sperimentale Sudoco. Con Adm Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, spedizionieri, terminal portuali e AdSP Mar Tirreno Settentrionale

LIVORNO – Porto di Livorno, sbarca lo Sportello unico doganale e dei controlli.

Al via a Livorno Sudoco, Sportello Unico Doganale e dei Controlli. il sistema che favorisce il controllo coordinato e concomitante dei controlli da parte dei vari enti coinvolti a vario titolo nel processo di ingresso delle merci nel territorio doganale dell’Unione.

Il 5 dicembre parte la fase sperimentale, che coinvolge Adm Agenzia delle Dogane
e dei Monopoli, spedizionieri, terminal portuali e AdSP del Mar Tirreno Settentrionale.

L’applicazione del Sudoco nello scalo portuale livornese, che segue l’attivazione al porto di La
Spezia, spiega Adm in un comunicato, si basa sull’interconnessione tra quest’ultimo e il Tuscan Port Community System (TPCS) dell’AdSP. La piattaforma che digitalizza e semplifica i flussi informativi collegati alle operazioni di importazione ed esportazione della merce.

Per gli scali di Sistema, l’interoperabilità con Sudoco “si configura come un ulteriore passo
verso una completa digitalizzazione dei processi logistici e portuali e verso una sempre maggiore
integrazione fra i sistemi dell’Autorità di Sistema Portuale e quelli dell’Agenzia delle Dogane e dei
Monopoli. Sono infatti in corso le attività di potenziamento e sviluppo dell’interoperabilità tra il TPCS e il modulo Port Tracking, promosso nell’ambito del progetto speciale digitalizzazione delle procedure doganali, con l’obiettivo di garantire l’uscita controllata e sicura della merce dagli spazi portuali”.

 

Matteo Paroli, segretario generale Autorità di Sistema: “Vogliamo supportare l’applicazione del Sudoco mettendo a disposizione il nostro servizio digitale per la gestione delle ispezioni fisiche a piazzale, rilasciato in produzione sul TPCS nel mese di luglio. Il modulo applicativo permette già oggi di richiedere e organizzare la messa a disposizione dei contenitori destinati alle attività di controllo presso le aree dedicate. Le informazioni di natura logistica prodotte dai terminal saranno quindi integrate con informazioni di natura doganale, utilizzando come strumento di condivisione e scambio dati il TPCS, per una completa dematerializzazione del processo”.

Giovanni Parisi, dirigente dell’Ufficio delle Dogane di Livorno: “Lo Sportello Unico Doganale e dei Controlli permette di ridurre tempi e costi generati dalle operazioni di sdoganamento delle merci, concentrando i controlli in un unico momento e presso un unico luogo. Questo si traduce
in un incremento del livello di competitività ed efficienza degli scali presso i quali il Sudoco viene applicato. L’applicazione del Sudoco nel porto di Livorno è il risultato di un lavoro di squadra tra amministrazioni, che mettono a disposizione i propri sistemi per creare ambienti digitali sempre più integrati e armonizzati, a vantaggio di istituzioni e operatori portuali”.

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
cielo sereno
9.6 ° C
11.8 °
6.8 °
65 %
2.6kmh
0 %
Gio
15 °
Ven
13 °
Sab
12 °
Dom
11 °
Lun
9 °

Ultimi articoli

24,178FansMi piace
7,615FollowerSegui
482FollowerSegui
spot_img