fbpx
16.2 C
Firenze
giovedì 13 Giugno 2024
Segnala a Zazoom - Blog Directory
spot_img

Imprenditore arrestato a Pistoia, sequestri oltre 2 milioni

Bancarotta fraudolenta, sottrazione fraudolenta pagamento imposte, turbativa aste fallimentari. Sequestrato albergo Montecatini Terme. Otto indagati anche a Firenze. Operazione GdF

Getting your Trinity Audio player ready...

PISTOIA – Imprenditore arrestato a Pistoia, sequestri oltre 2 milioni.

Imprenditore arrestato a Pistoia, la Guardia di Finanza di Pistoia ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e ad un provvedimento di sequestro preventivo emessi dal Gip del Tribunale di Pistoia, su richiesta della Procura della Repubblica di Pistoia, nei confronti di un imprenditore di 37 anni, originario della Campania ma da tempo residente in provincia di Pistoia. Ritenuto responsabile di plurime condotte di bancarotta fraudolenta, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e turbativa di aste fallimentari.

Otto indagati, residenti a residenti a Montecatini Terme, Firenze, Adro, Trani e Giugliano in Campania.

Sequestrato anche un albergo a Montecatini Terme.

Come illustra la Guardia di Finanza in un comunicato, oggetto del sequestro le disponibilità finanziarie, i preziosi e le quote societarie dall’imprenditore direttamente o indirettamente detenuti, fino alla concorrenza di 623.328 euro, “importo pari ai beni e valori distratti per sottrarli alle procedure di riscossione coattiva delle imposte nel tempo non versate”.

Sequestrata una struttura alberghiera a Montecatini Terme ed i relativi beni strumentali, il cui valore di perizia supera i 2.1 milioni di euro. Si tratta, spiega GdF, di un prestigioso compendio turistico oggetto di esecuzione immobiliare, “già di proprietà di una società da lui amministrata, poi fallita, del quale era riuscito a riappropriarsi illecitamente, facendo partecipare all’asta fallimentare un prestanome e presentando una falsa attestazione bancaria destinata a certificare l’apparente concessione di un mutuo, mai realmente richiesto e/o concesso, finalizzato al pagamento del prezzo di aggiudicazione”.

Allo stato del procedimento e secondo l’ipotesi vagliata dal giudice nel provvedimento cautelare, prosegue GdF, le investigazioni, condotte dal Nucleo di Polizia economico finanziaria di Pistoia, con l’ausilio dalla sezione di Polizia Giudiziaria – aliquota Guardia di Finanza della Procura della Repubblica di Pistoia, hanno consentito di ricostruire che il principale indagato, pur già condannato, in via definitiva, per bancarotta, aveva continuato a commettere una serie di reati fallimentari e tributari, utilizzando soggetti giuridici sempre nuovi, intestati a compiacenti prestanome.

In sintesi, queste società del settore turistico alberghiero, dopo aver accumulato, senza onorarli, ingenti debiti commerciali, tributari e previdenziali, venivano sistematicamente spogliate del loro patrimonio e condotte al fallimento. I relativi immobili e beni strumentali restavano, però, nella disponibilità del fallito celato dietro apparenti nuove imprese, che li acquisivano prima che potessero essere attratti nell’attivo fallimentare, oppure partecipavano alle relative aste fallimentari producendo anche documentazione artefatta, onde ottenerne indebite aggiudicazioni.

 

© Riproduzione riservata

spot_img
Firenze
nubi sparse
16.2 ° C
17.3 °
13.7 °
72 %
1.5kmh
40 %
Gio
23 °
Ven
25 °
Sab
28 °
Dom
30 °
Lun
29 °

SEGUICI SUI SOCIAL

VIDEO NEWS