fbpx
10.3 C
Firenze
lunedì 22 Aprile 2024
Segnala a Zazoom - Blog Directory
spot_img

Niang si schianta in auto, illeso. Empoli: “Andava a pregare”

Incidente stradale per l'attaccante azzurro, arrivato ad Empoli a inizio febbraio. Autore del pareggio su rigore nel derby con la Fiorentina e del penalty nella vittoria 1-3 con la Salernitana

Getting your Trinity Audio player ready...

EMPOLI – Niang si schianta in auto, illeso. Empoli: “Andava a pregare”

Niang si schianta in auto, incidente stradale martedì 20 febbraio per il giocatore dell’Empoli autore su rigore domenica scorsa del pareggio nel derby con la Fiorentina, valido per la 25esima giornata di serie A. Nonché del rigore nella vittoria 1-3 con la Salernitana. 

M’Baye Niang, attaccante, neo acquisto dell’Empoli, arrivato a inizio febbraio, è finito su due auto in sosta a Empoli alla guida del suo Suv Mercedes. Un’utilitaria distrutta. Il giocatore è illeso, è stato portato al pronto soccorso per un controllo. Non è ferito. Non ci sono persone ferite.

La società Empoli Fc con il direttore sportivo Pietro Accardo: “Ci tengo a precisare che il nostro calciatore M’Baye Niang ci ha prontamente avvertiti della disavventura avvenuta questa mattina. Come club siamo a conoscenza che, fin dal suo arrivo a Empoli, il ragazzo di buon mattino è solito uscire ed unirsi a gruppi di preghiera con altri praticanti della sua religione. Il calciatore, rientrando a casa e complice una disattenzione, è andato a sbattere con alcune auto in sosta. M’Baye sta bene, tutti i test svolti come da prassi dalle autorità competenti hanno dato esito completamente negativo”.

Nel pomeriggio, ha reso la società, Niang era con il gruppo del tecnico Davide Nicola per preparare la gara di sabato contro il Sassuolo.

Niang al suo arrivo a Empoli a inizio febbraio: “Mi piacciono le sfide, dal primo giorno ho creduto che questa fosse una bella opportunità e ho detto subito di sì all’Empoli. È una sfida perché ci giochiamo la salvezza e c’è voglia di risalire in classifica. A me la squadra ha dato da subito un’impressione positiva, la Serie A rimane un bel campionato, sono rimasto molti anni qua e grazie alla società ho avuto l’opportunità di tornare. Ringrazio il presidente, il direttore e il mister per l’opportunità che mi hanno dato. Ho la possibilità di aiutare la squadra, ci sono tanti giocatori bravi, che già conoscevo.

Dobbiamo dimostrare di avere più voglia dell’avversario per vincere le partite. Cosa posso dare alla squadra? Posso portare l’esperienza, la velocità e la voglia di fare gol. Voglio essere un rinforzo in più per la squadra. Ho trovato un gruppo forte, con giocatori bravi. È una questione di fiducia, nel calcio basta poco per cambiare le cose. Sono sicuro che lavorando arriveremo a quello che vogliamo. Ringrazio le persone del club per come mi hanno accolto. La trattativa? Ho ricevuto la chiamata del direttore che mi ha fatto molto piacere. Negli ultimi anni ho cambiato spesso squadra perché non ho trovato l’ambiente dove stare al meglio, cambiare a gennaio non è semplice ma non è una scusa. Devo essere pronto per la squadra, bisogna lavorare ed essere a disposizione del mister e dare il massimo. La maglia numero 10? Era libera, per me è solo un numero. Sono qui con la testa giusta, con la voglia di lavorare e dimostrare che sono un giocatore importante”.

 

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
cielo sereno
10.3 ° C
11.1 °
8 °
69 %
3.1kmh
0 %
Lun
14 °
Mar
12 °
Mer
13 °
Gio
15 °
Ven
10 °

Ultimi articoli

SEGUICI SUI SOCIAL

VIDEO NEWS

Video news