fbpx
9.6 C
Firenze
giovedì 22 Febbraio 2024
spot_img

Vannacci sotto inchiesta per il suo libro, il generale va in licenza

L'ex comandante Istituto Geografico Militare di Firenze designato Capo di Stato Maggiore Forze Operative Terrestri. "Non ho mai temuto per la mia carriera nonostante le polemiche". Subito in licenza appena arrivato a Roma

Vannacci sotto inchiesta per il suo libro, il generale va in licenza.

Il generale Roberto Vannacci, ex comandante Istituto Geografico Militare di Firenze, è sotto inchiesta. Vannacci, appena designato Capo di Stato Maggiore delle Forze Operative Terrestri, ha comunicato di volersi prendere un periodo di licenza.

La commissione costituita dopo le polemiche seguite alla pubblicazione del libro ‘Il mondo al contrario’ del generale Roberto Vannacci ha notificato all’ufficiale dell’Esercito, appena designato Capo di Stato Maggiore delle Forze Operative Terrestri, l’avvio di un’inchiesta formale nei suoi confronti. In base agli esiti dell’inchiesta, che fa seguito all’indagine sommaria effettuata la scorsa estate, potrebbero essere adottati provvedimenti disciplinari nei confronti di Vannacci. Quest’ultimo, ricevuta la notifica dell’avvio dell’inchiesta formale, ha comunicato di volersi prendere un periodo di licenza.

Vannacci appena arrivato dunque lunedì 4 dicembre a Palazzo Esercito a Roma va in licenza.

Designazione non senza polemiche quella di Vannacci.

Vannacci domenica 3 dicembre aveva commentato: “Già da domani sarò a Roma per il mio nuovo incarico di capo di Stato Maggiore del comando delle forze operative terresti. Una nomina in linea con il mio grado, con la mia funzione e con la mia esperienza. Un incarico prestigioso che assumerò con grande determinazione e passione e che mi vedrà nella Capitale dove presterò servizio. Un comando che si occupa della validazione delle unità che devono partire con ruoli operativi all’estero, della loro preparazione, del loro addestramento”.

Vannacci, autore del libro ‘Il mondo al contrario’ al centro di numerose polemiche, spiega di essere stato sempre “assolutamente convinto di non aver violato alcuna norma né legale né disciplinare. Così come ero certo che una volta fatti gli approfondimenti tutto sarebbe tornato nell’alveo della normalità. Non ho mai temuto per la mia carriera nonostante le polemiche”.

Il generale Marco Bertolini, già comandante del Coi, in merito alla nomina del generale Roberto Vannacci a Capo di stato maggiore del Comando delle Forze Terrestri: “Designato per un importante incarico di Stato Maggiore assolutamente adeguato al suo grado e in linea con la sua emergente professionalità”.

Il ministro della Difesa Guido Crosetto subito dopo le polemiche per il libro del generale Vannacci aveva commentato: “Non utilizzate le farneticazioni personali di un generale in servizio per polemizzare con la Difesa e le forze armate. Il generale Vannacci ha espresso opinioni che screditano l’Esercito, la Difesa e la Costituzione. Per questo sarà avviato dalla Difesa l’esame disciplinare previsto”.

Sul nuovo incarico di Vannacci il ministro della Difesa domenica 3 dicembre: “In merito alle pretestuose polemiche che oggi alcuni stanno provando a sollevare, sentendosi esperti di questioni e tematiche militari, mi preme solo sottolineare che il generale dell’Esercito Roberto Vannacci non è stato nè promosso nè retrocesso. Lo Stato Maggiore dell’Esercito italiano ha deciso di affidargli uno dei ruoli che gli competevano per grado, esperienza e diritto, in attesa che siano esperiti gli accertamenti previsti”.

Poi Crosetto: “‘Le garanzie costituzionali a tutela della persone valgono anche per i militari e nessuno può emettere giudizi sommari, sostituendosi alle norme e alle procedure previste a tutela di uno Stato di diritto che, in una democrazia, riguarda tutti. In questi mesi si è svolta l’inchiesta sommaria i cui esiti sono ancora in via di valutazione. In attesa di quest’ultima, evitando di attribuirgli incarichi di comando o con visibilità e/o proiezione esterna, è stato affidato al generale. Vannacci un incarico di staff, all’interno di una catena di comando ben delineata ed in linea con la sua esperienza”.

”Nello specifico, il generale Vannacci non è stato nominato, come scrivono in queste ore alcune tv e organi di stampa, “capo delle forze terrestri” ma Capo di stato maggiore del Comando delle Forze Terrestri. Comando delle Forze Terrestri che ha un suo comandante, il generale Camporeale e un vice comandante, il generale Ristuccia, comandante delle Forze Operative. Il Generale Vannacci dipenderà e sarà dunque agli ordini del generale Ristuccia. Suggerirei, pertanto, di evitare polemiche strumentali basate su scarse o superficiali informazioni e di attendere con serenità che, come sempre, la legge faccia il suo corso”.

Per Vannacci  gli auguri del vicepremier Salvini, impegnato alla Fortezza da Basso a Firenze: Complimenti e buon lavoro al generale Vannacci, leale e coraggioso servitore dell’Italia e degli italiani”.

Il Partito Democratico Toscana sul nuovo incarico di Vannacci: “Il generale Vannacci aveva scritto parole intrise di razzismo, omofobia, misoginia e fascismo. Parole per le quali avrebbero dovuto destituirlo, visto che ha tradito la Costituzione su cui ha giurato, visto che è una minaccia per coloro che è stato chiamato a difendere. E invece, nel mondo al contrario in cui viviamo per davvero, è stato nominato Capo di Stato maggiore delle forze operative terrestri, uno dei massimi vertici dell’Esercito. Il Ministro Crosetto deve chiarire al più presto come è stato possibile”.

Italia Viva con Davide Faraone, capogruppo alla Camera: “Premiare un militare che ha mancato di rispetto, in primo luogo a tutti ai colleghi che onorano la divisa, è a dir poco scandaloso”.

Il pisano Nicola Fratoianni, parlamentare Alleanza Verdi Sinistra: “Mentre Salvini ospita la feccia d’Europa in una città meravigliosa, piena di storia e di impegno civile come Firenze, Crosetto e il suo ministero non trovano di meglio da fare che far avanzare la carriera di Vannacci. L’Italia merita di meglio”.

Movimento 5 Stelle con l’ex premier Giuseppe Conte: “Il Generale Vannacci ha espresso opinioni personali che screditano l’Esercito, la Difesa e la Costituzione repubblicana. Per questo sarà avviato dalla Difesa l’esame disciplinare previsto. Non vanno, in alcun modo, utilizzate le farneticazioni personali di un Generale, ancorché in servizio, per polemizzare con la Difesa e le Forze Armate”. Lo scriveva il ministro Crosetto qualche mese fa parlando delle sparate contenute nel libro di Vannacci.
Passano i mesi e oggi apprendiamo che quello stesso Vannacci viene nominato capo di Stato Maggiore del comando forze operative terrestri. ‘Il mondo al contrario’  non è solo il titolo del libro di Vannacci ma ormai è l’imperativo del Governo Meloni. Chi porta con onore e sacrificio la divisa, rispettando i valori della Costituzione, viene spesso dimenticato; chi scrive le sue “farneticazioni” in un libro fa carriera”.

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
cielo sereno
9.6 ° C
11.8 °
6.8 °
65 %
2.6kmh
0 %
Gio
15 °
Ven
13 °
Sab
12 °
Dom
11 °
Lun
9 °

Ultimi articoli

24,178FansMi piace
7,615FollowerSegui
482FollowerSegui
spot_img