fbpx
8.5 C
Firenze
giovedì 22 Febbraio 2024
spot_img

Stadio Franchi, Tar respinge ricorso Comune. Firenze ricorre a Consiglio di Stato

Contro decreto definanziamento 55 milioni Pnrr. Nardella: "Stupiti. Convinti nostre ragioni. Disponibili a collaborare con Governo per soluzione condivisa". Renzi: "E' ora di finirla di giocare con soldi cittadini". Reazioni politiche Palazzo Vecchio

FIRENZE – Stadio Franchi, Tar respinge ricorso Comune. Firenze ricorre a Consiglio di Stato.

Il sindaco Dario Nardella annuncia il ricorso al Consiglio di Stato dopo il ricorso respinto dal Tar. Ricorso presentato dal Comune di Firenze contro il decreto di definanziamento  relativo ai 55 milioni di euro per la riqualificazione dello stadio Franchi.

Nardella: “Pur rispettando il giudizio del Tribunale, l’amministrazione comunale manifesta stupore per la decisione anche alla luce delle motivazioni poste a fondamento e della condotta processuale dell’Avvocatura dello Stato.
Il Comune pertanto annuncia immediato ricorso al Consiglio di Stato, convinto ancor di più delle proprie ragioni e dell’ingiusto e immotivato danno alla città e all’area metropolitana di Firenze, anche considerando il diverso trattamento riservato dal Governo ad altre amministrazioni come quella di Venezia.
Resta in ogni caso la disponibilità del Comune e della Città Metropolitana a collaborare con i ministeri competenti per una soluzione condivisa nell’interesse della città, come sempre affermato e dimostrato anche con atti formali ai quali tuttavia fino ad ora non sono mai arrivati riscontri”.

Poi Nardella: “La sentenza del Tar del Lazio non influisce in alcun modo sulla gara in corso, bandita sulla base delle risorse già sicuramente disponibili, per cui andiamo avanti regolarmente. Siamo amareggiati per la decisione del Tar, perché eravamo e siamo tuttora convinti della finanziabilità del nostro progetto. Eravamo comunque preparati anche a questa eventualità, tanto è vero che abbiamo scritto il bando di gara senza tener conto dei 55 milioni”.

Matteo Renzi, senatore Italia Viva, ex premier ed ex sindaco Firenze: “Il Comune di Firenze ha perso il ricorso al Tar sullo stadio. È l’ora di finirla di giocare coi soldi dei cittadini: per gli stadi servono i fondi dei privati. I soldi del contribuente devono andare su case popolari, scuole e ospedali. Non sul rabbercio dell’Artemio Franchi”.

Le reazioni a Palazzo Vecchio.

Federico Bussolin, capogruppo Lega in Consiglio Comunale e Segretario Provinciale: “Da giorni il Sindaco Nardella va ripetendo che il Governo è contro Firenze. Ora che pure il Tar respinge il ricorso del Comune sui fondi PNRR per il Franchi, possiamo dire che a fare castelli di sabbia è proprio Nardella, altro che il Governo. Stupisce il ricorso al Consiglio di Stato perché perdiamo altro tempo prezioso. Spero che questa sonora sveglia possa far ripensare i lavori sul Franchi: vanno trovati fondi privati che ci consentano di realizzare un progetto diverso, dignitoso per la Fiorentina e i suoi tifosi”.

Jacopo Cellai e Alessandro Draghi, Fratelli d’Italia: “Chiediamo al Sindaco Nardella di rendere noto al Consiglio Comunale nella seduta del prossimo lunedì quale siano le sue intenzioni. Perché non vogliamo credere che l’annunciato quanto scontato ricorso al Consiglio di Stato sia l’unica cosa che abbia in mente.
Il bando in corso per il nuovo stadio prevede tre opzioni diverse aggiuntive ai lavori che andranno a gara collegate al finanziamento complessivo a disposizione. Il sindaco di Firenze intende non tenere conto della sentenza del Tar e tenere tutto in bilico fino alla pronuncia del Consiglio di Stato? Fare un nuovo Franchi senza metà stadio coperto? Completare la copertura successivamente ricantierizzando un domani l’impianto con tutti i problemi annessi?  E quanto alle risorse. Sperare che il Franchi sia inserito fra gli stadi italiani che ospiteranno gli europei 2032 per attingere a quelle risorse sapendo che il piano stadi in questione sarà presentato nel 2026? Ricorrere all’indebitamento da parte del Comune stesso?”

Lorenzo Masi, consigliere comunale M5S: “Una sentenza preannunciata. Ma che adesso ci pone di fronte ad una situazione che penalizzerà tutta Firenze e, in particolare, i tifosi viola. Già il progetto per lo stadio che aveva presentato Arup non era proprio l’impianto che avevano sognato i cittadini che adesso, con questa sentenza, andrà ulteriormente modificato. Una parte dello stadio non verrà coperto? Oppure, non sarà il caso di rimettersi a tavolino e rivedere qualcosa? Lo stanziamento, per la ristrutturazione del Padovani, nel frattempo è passato da 10 a 13 milioni. Tanti soldi per le tribune dell’impianto sportivo del rugby destinate ad una Fiorentina che forse mai le utilizzerà mai. E per favorire le società di rugby che, molto probabilmente, saranno trasferite da un’altra parte. Alla fine chi ci rimettono saranno sempre i cittadini ed i tifosi della Fiorentina”.

Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune, Roberto De Blasi – Movimento 5 Stelle, Lorenzo Palandri e Francesco Gengaroli – Sinistra Progetto Comune Quartiere 2: “Non abbiamo capito perché la sentenza del Tar rende più convinto il Comune delle sue ragioni. Ovviamente attendiamo il parere del Consiglio di Stato, ma il tempo passa e la fine della consiliatura si avvicina”.

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Firenze
nubi sparse
8.5 ° C
10.6 °
6.8 °
78 %
2.1kmh
40 %
Gio
15 °
Ven
13 °
Sab
12 °
Dom
12 °
Lun
10 °

Ultimi articoli

24,178FansMi piace
7,615FollowerSegui
482FollowerSegui
spot_img