fbpx
17.1 C
Firenze
martedì 21 Maggio 2024
Segnala a Zazoom - Blog Directory
spot_img

Immigrazione clandestina, smantellato hub criminale a Siena

Operazione GdF con oltre 100 militari. Traffico illegale di badanti. Tariffario per permesso di soggiorno. Organizzazione internazionale. Tre arresti

Getting your Trinity Audio player ready...

LoSIENA – Immigrazione clandestina, smantellato hub criminale a Siena.

La Guardia di Finanza di Siena ha smantellato un’organizzazione criminale internazionale che collocava illecitamente sul territorio numerose badanti.

Tre arresti. Sequestrata la società operante nel settore dell’assistenza alla persona, tramite cui agiva il gruppo criminale. Società a Chianciano Terme che, oltre a collocare illecitamente sul territorio numerose badanti, aveva messo in piedi un vero e proprio hub dedito al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Un gruppo criminale strutturato composto da sette persone anche dedito all’impiego di personale straniero non in regola con il permesso di soggiorno.

Ai migranti irregolari imposto un tariffario fino a quattromila euro anche per il permesso di soggiorno.

Il 6 marzo è stata data esecuzione all’intervento in provincia di Siena, Firenze, Arezzo, Mantova, L’Aquila e Viterbo con oltre 100 militari della Guardia di Finanza.

L’attività di polizia giudiziaria coordinata dal Procuratore Nicola Marini e dal Sostituto Siro de Flammineis e condotta attraverso intercettazioni telefoniche e telematiche, accertamenti bancari, riscontri in varie questure italiane, nonché pedinamenti documentati da video e foto di indagati e lavoratori.

L’attività, avviata già nel 2021, trae origine da una serie di approfondimenti, condotti dai militari della Tenenza di Montepulciano sul territorio della Valdichiana senese su input informativi del Comando Provinciale di Siena.

Nella primavera del 2021 gli approfondimenti sono sfociati in un controllo nei confronti di una società di Chianciano Terme, che ha rivelato l’avvenuta malversazione di finanziamenti erogati nell’ambito delle misure di sostegno del ‘Decreto Liquidità’. I 30mila euro percepiti dalla società, erano stati infatti in parte distratti dalle loro finalità per essere utilizzati direttamente dall’amministratore per spese personali.

Al mese di maggio 2021, la società risultava avere alle proprie dipendenze ben 103 cittadini extracomunitari in tutto il territorio nazionale per i quali emetteva regolarmente buste paga, remunerandone solo 14.

Partite le indagini per i dipendenti fittizi, risultati percettori di indennità di disoccupazione o di Reddito di Cittadinanza.

L’organizzazione era composta da due stretti collaboratori, uno con funzioni amministrative e l’altro che si occupava di procacciare badanti di nazionalità georgiana, più un collaboratore che invece doveva smistare gli immigrati sul territorio.

Individuati inoltre due cittadini di origine africana che collocavano i servizi illeciti resi dal sodalizio da loro connazionali.

In totale 347 le persone badanti assunti nel tempo, solo 58 impiegati realmente in attività lavorativa.

Il tariffario imposto ai migranti, differenziato in funzione dei servizi resi, variava da 50 a 4000 euro a seconda del servizio illecito offerto: falsa busta paga, dichiarazione di ospitalità, assunzione fittizia.

Organizzazione illegale anche a favore di extracomunitari residenti in Francia e Germania.

Attraverso l’Interpol scoperti i contatti del capo con la Tunisia, dove aveva in programma di scappare il giorno dopo l’esecuzione delle ordinanze.

L’organizzazione tratteneva stipendi, tutti gli oneri previdenziali ed assistenziali relativi al personale dipendente.

 

 

© Riproduzione riservata

spot_img
Firenze
pioggia leggera
17.1 ° C
18.5 °
15.8 °
93 %
2.2kmh
75 %
Mar
20 °
Mer
21 °
Gio
22 °
Ven
25 °
Sab
21 °

SEGUICI SUI SOCIAL

VIDEO NEWS